Quale futuro per l’esport in Italia? Il Coni ha organizzato un workshop per discuterne

In che direzione sta andando l’esport in Italia? Si è tenuto a Roma un workshop per parlare proprio del futuro esportivo italiano

L’esport in Italia è ormai un fenomeno che si sta affermando sempre di più. Proprio per questo motivo si è tenuto a Roma un incontro organizzato dal Coni per parlare del futuro dell’esport sul suolo italiano. In Italia, l’esport non è ancora riconosciuto come una disciplina atletica vera e propria, per non parlare dei vari stereotipi che esistono circa la figura del videogiocatore in generale. L’apertura del Coni verso l’argomento è sicuramente un segnale positivo perché il dialogo tra due parti, in questo caso il mondo sportivo e quello esportivo, è sempre necessario per il progresso. All’incontro ha partecipato anche Filippo ‘Pedriny‘ Pedrini, o The Esport Maestro come lo chiamano i suoi fan, e ha dato la sua opinione in merito:

Nonostante di concreto ci sia stato poco, la giornata di ieri è stata fondamentale. È stata una dichiarazione d’intenti, il Coni ha espresso la volontà di partecipare allo sviluppo degli esport. Ovviamente i presenti erano molto curiosi, non conoscendo bene questo mondo. Se il CIO darà l’ok, il Coni vuole essere pronto. Non era necessario fare un workshop ma questo gesto è stato molto importante: ha dimostrato la serietà del loro ambiente, si sono posti con estrema umiltà. Sono riusciti nella non facile impresa di unire tutte le personalità più importanti dell’esport. Adesso proseguiranno in questo percorso e s’incontreranno anche con altri per discutere delle singole problematiche dell’esport.

ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI