Women in Gaming: nasce l’iniziativa di Facebook dedicata alle donne nel mondo videoludico

Sheryl Sandberg, direttore operativo di Facebook, parla del problema della scarsa rappresentazione di genere nel mondo dei videogiochi

Facebook ha lanciato una campagna che mira a promuovere la diversità nell’industria videoludica e incoraggiare le donne ad avvicinarsi a questo campo. L’iniziativa si chiama “Women in Gaming” e nel sito web ufficiale si possono vedere molte donne che ricoprono vari ruoli all’interno dell’industria videoludica, come ad esempio game designer.

Credit to: Facebook

Nel video principale, si può vedere Sheryl Sandberg, direttore operativo di Facebook. Sandberg, portavoce dell’iniziativa, ha parlato delle statistiche secondo le quali le donne rappresentino metà dei videogiocatori mondiali e di come ormai il mondo videoludico sia pieno di eroine femminili come ad esempio Tracer (Overwatch), Aloy (Horizon Zero Dawn), Chloe e Nadine (Uncharted: L’Eredità Perduta). Secondo Sandberg, l’industria videoludica deve incoraggiare molto di più le donne a entrare a farne parte, in modo da poter rappresentare meglio la popolazione globale.

Le donne rappresentano solo il 23% della forza lavoro nell’industria videoludica, e le donne di colore sono anche meno rappresentate. In quest’industria, le donne devono anche vedersela con stereotipi e pregiudizi, proprio come accade anche in altri campi lavorativi. Inoltre, quando divengono il bersagli di minacce online, è ancora più difficile convincere le giovani donne che questo campo sia pieno di opportunità.

ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI