“Shadow e Oromë sono nomi da tenere d’occhio”: intervista a Adriano Milone, il caster meglio conosciuto come Il Merlo!

Giorni caotici ma pieni di emozioni quelli passati al Romics 2018 di aprile: tante le personalità esportive italiane lì presenti, tra cui Il Merlo!

In occasione della finale di Lega Prima, che si è tenuta al Romics 2018 di aprile, la redazione di Esporters ha intervistato Adriano Milone, meglio conosciuto come Il Merlo. Un caster italiano che si fa notare per il modo in cui riesce a unire talento, professionalità, e carisma.

Adriano, da quanto tempo fai questo lavoro?
Saranno sette anni che faccio attivamente il caster, il telecronista videoludico. Ho cominciato un po’ per gioco, per divertirmi con gli amici con DOTA 2. Successivamente mi sono mosso in avanti su Heroes of the Storm grazie al supporto e all’aiuto di Blizzard. Da lì in poi, il resto è venuto da sé. Se un videogioco ha una forte componente meccanica, è appassionante da vedere, da giocare, e magari ha anche un buon mercato dietro, probabilmente lo  commenterò come caster.

Sei al Romics per commentare Lega Prima. Oltre League of Legends, quali giochi commenti?
Al momento commento attivamente Paladins, Heroes of the Storm, Tekken 7, Street Fighter 5, Smash Bros. 4. Ci sono anche giochi che commento nel tempo libero, come allenamento in previsione di progetti futuri: Rainbow Six Siege, CS:GO, il vecchio DOTA. Questo perché non sai mai quale offerta potrebbe arrivare dietro l’angolo! In più, sono videogame che normalmente gioco e con i quali mi diverto, ergo la transizione al commento diviene molto più facile.

Cosa pensi della questione Paladins contro Overwatch?
Per chi non lo sapesse, Paladins attualmente è in development, e lo è da prima di Overwatch. Addirittura in tempi in cui Team Fortress 2 spopolava all’interno dello Steam market. La maestria di Blizzard con Overwatch è stata quella di creare un universo profondo nel quale ti ci puoi perdere dentro. I personaggi sono interessanti, accattivanti, la storia è molto ben curata. Mentre su Paladins, la storia è arrivata solo ultimamente. In più, Paladins ha un sistema di gioco molto differente rispetto a Overwatch: meno FPS, più team arena shooter.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Fra meno di una settimana mi trasferirò in Inghilterra per andare a lavorare a GinxTV, una stazione televisiva di videgiochi 24/7. Ha iniziato a creare progetti per quanto riguarda l’esport. Ho intenzione di buttarmi nella mischia, fare il commentatore in inglese, e adempiere ai miei doveri da community manager internazionale e italiano. 

Chi sono i giocatori più forti presenti oggi alla finale di Lega Prima?
Sicuramente un paio di nomi da tenere sott’occhio sono Zhao ‘Shadow‘ Zhi-Qian e Andrei ‘Oromë‘ Popa, ma sicuramente i miei preferiti sono Mattia ‘DrMatt‘ Fazzalaro e Luca ‘Brizz‘ Brizzante, specialmente perché ho anche un legame di affetto e amicizia quindi voglio vederli trionfare. 

ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI